Resoconto

X-Bikes 09-10/04/2016 - Trofeo Simoncelli / Campionato Regionale Emilia-Romagna FMI


Questo tracciato è uno di quelli dove non ho mai girato molto nonostante sia uno dei miei preferiti. Dopo la gara di Maggio 2015 ci sono tornata soltanto poco fa, il 20 Marzo, e devo dire che me ne ero completamente dimenticata, sbagliando di nuovo ogni traiettoria. Una giornata anche difficile, quel 20 Marzo, per i vari problemi avuti ma a fine giornata ero comunque riuscita a girare a qualche decimo dal tempo fatto l’anno prima grazie a nuovi amici di cui uno che mi spingeva standomi dietro in pista (se andava davanti poi giravo male).
Fino all’ultimo non sapevo se sarei riuscita ad andare a fare la gara del Sic valida per il Regionale Emilia-Romagna FMI ma sono stata fortunata ed il mio Motoclub (MC Reggiano) è riuscito a farmi la licenza in tempo. Così venerdì pomeriggio sono passata dal mio Team a prendere le gomme nuove per la gara e poi sono andata a ritirare la licenza. Sabato mattina alle 8.45 ero in pista e via a preparare la moto, insieme al mio compagno di squadra Tommaso Occhi che corre nella Junior B. Prove in mattinata molto difficili in quanto giro altissimo. Già il sabato prima, a Ripa, dopo aver messo gomme meno consumate di quelle di ottobre con ormai 7 uscite, mi ero trovata malissimo con le altre meno consumate. All’X-Bikes uguale, non era possibile sciogliermi e alla fine, in pausa pranzo, abbiamo rimesso le gomme da 7 uscite e come per magia mi sono sciolta subito e ho ripreso a fare tempi “decenti”. Il mio record personale su questa pista era 43’0, fatto durante la gara 2015, mentre qualche domenica fa (20/03) avevo fatto all’incirca 43’4 ma non da sola. Alla fine di questo sabato pregara ho finalmente fatto 43’1 anche se non di passo e quindi mi avvicinavo di nuovo al mio record personale. Abbiamo provato vari rapporti, in quando avevo sempre fatto i tempi col 6-63 ma alla fine abbiamo provato fino al 6-61 ed abbiamo optato per il 6-62 col quale riuscivo a sfruttare di più il motore. Abbiamo anche cambiato l’assetto della moto e si sa che il mio Team non sbaglia mai e piano piano mi son sempre trovata meglio. Un sabato pomeriggio molto costruttivo, con mille consigli per migliorare, anche dal pluricampione Carbonera che ha avuto la pazienza di fare vari giri davanti a me per correggermi le traiettorie. Sono riuscita a migliorare vari punti della pista come la curva che porta sul rettilineo dove passando sul cordolo sinistro riesco ad aprire metri prima... la parte davanti ai box dove ho imparato a parzializzare per essere più lineare e di conseguenza più veloce... le tre curvine piccole sono ancora il mio incubo ma piano piano riuscirò ad uscire più stretta... Tocca che imparo a staccare meglio perché non sono abbastanza decisa e ho troppo la guida da bagnato in quanto ai freni... Il margine di miglioramento c’è, in tanti punti e sono fiduciosa per la gara.
Serata tutti a guardare le prove della MotoGP nel bar della pista, tendina pronta per la notte e sta per arrivare il giorno fatidico. Domenica mattina ci sono prima le verifiche licenze e moto, le carene sono quelle da gara belle intere, le gomme sono nuove, facciamo gli ultimi controlli e verso le 10 iniziamo le prove libere. Meno male che non erano subito le prove ufficiali perché almeno ho potuto svegliarmi. In questo turno di libere ho provato altre due tre cose in quanto alle traiettorie ed ora siamo pronti per le prove ufficiali. Ma che agitazione! Nel primo turno giro in 43’2... poco buono visto che la sera prima ero riuscita a fare 43’1 con gomme di 8 uscite completamente finite... Ci vengono dati gli ultimi consigli a me e Tommy ed ora tocca dare veramente il massimo per il secondo turno di prove ufficiali, dobbiamo sfruttare queste gomme nuove! Il consiglio numero uno è aprire prima in tutte le curve, perché se anche apriamo prima un mezzo decimo di secondo ad ogni curva... si migliora più di un mezzo secondo nel giro intero... In effetti c’è poco da dire, è così e basta. Vediamo di impegnarci! O la va, o la va in terra! Mi impegno al max per non deludere la squadra e alla fine del turno son anche un po’ dispiaciuta perché avrei voluto fare meglio ma mi dicono che ho girato in 42’9. Almeno abbiamo abbattuto il muro del 43’!!! Piano piano si scende, piano piano si gira con un passo migliore... prima il passo del 43’4 e best in 43’2, ora passo del 43’0 e best di 42’9. Facciamo che va bene dai. Pausa dalle 13 alle 15 e quindi si prepara la moto per la prima gara. Cambiamo frizione (ne mettiamo una appena rodata), controlliamo tutto e lasciamo il set-up così com’è perché la mia DM è perfetta così. Arriva l’ora x e sale di nuovo l’agitazione, ogni tanto mi chiedo se potrei mai non agitarmi prima di una gara, è una cosa incredibile! Siamo pochi Open in questo weekend, due nella Open A (la mia categoria) e ovviamente l’altro è uno tra i più veloci, quattro Open B, un Open C e un Gentlemen, quindi corriamo ovviamente tutti assieme e sono quinta in griglia di partenza su otto partenti. Salaroli (A) e Finco (B) si giocheranno la vittoria mentre poi siamo tutti scalati. Peccato perché a parte in partenza non ci sarà tanta bagarre dalla terza posizione in poi ma puntiamo a migliorare i tempi, le traiettorie e la guida!! Pronti partenza via, parto proprio nella stessa posizione, accodata a tutti e quattro i più veloci per sperare di rimanere un po’ insieme a loro. Il sesto gira a più di un secondo da me e quindi mi basta partirci davanti e sono a posto... Rimango attaccata per un po’ a Poropat (B) e mi impegno proprio al max per non perderlo. In qualche giro, sembra quasi che potrei riprenderlo ma poi piano piano perdo qualche metrino ed insomma non si molla ma non riesco a riprenderlo... Dietro non mi arriverebbe comunque nessuno quindi forse l’entusiasmo si perde un po’ ma non mollo e provo a girare meglio. 18 giri di gara son lunghi e a fine gare sono un po’ delusa ma arrivata al parco chiuso il mio team mi dice che ho girato in 42’7 e quindi sorrido un po’. Ho fatto ovviamente quel giro nei primi giri (al quarto per essere precisa) proprio quando ero ancora attaccata a quello sloveno.
Gara 2 lasciamo tutto così com’è e parto sempre uguale, quinta dietro ai veloci e senza il bisogno di dover superare qualcuno dei più lenti. Provo ad attaccarmi ma stavolta faccio più fatica a rimanere attaccata, sbaglio anche l’entra del cavatappi in un giro ed insomma c’è poco da fare, non riesco ad esser abbastanza veloce per stare con loro, nemmeno con lo sloveno... Di sicuro però non mollo e per tutti i giri della gara continuo a provare a migliorare i tempi, concentrandomi al massimo e senza nessuna intenzione di mollare. Purtroppo non miglioro il tempo ma sto sul passo del 43’0 per tutta la gara intera e quindi non è proprio da buttare via anche se mi spiace non essere riuscita a migliorare il tempo. Magari un po’ di stanchezza c’era anche, chi lo sa. Il mio Team comunque è contento, io speravo di fare almeno 42’5 ma diciamo che comunque i miglioramenti sono stati costanti e se in gara 1 avevo girato meglio all’inizio e poi ho “mollato”, in gara 2 sono stata costante per tutta la gara nonostante non aver girato meglio. Un weekend comunque positivo, sopratutto per com’era partito il sabato mattina con quelle gomme schifose. Ora meno male abbiamo gomme giuste per fare le prove libere a Ripa il weekend del 17/04 e speriamo che anche se non avrò il mio team riuscirò a migliorare come qua all’X-Bikes.
Sono arrivata quinta su otto nelle due gare, com’ero partita, e quindi seconda nella mia categoria visto che eravamo solo in due. Podio e coppa gratis... e addirittura l’intervista perché la fanno a tutti quelli che salgono sul podio. Speriamo di essere in più piloti la prossima volta perché non mi meritavo per niente di salire su un qualche podio.
Tommy invece ha fatto due quarti nella Junior B ed è stato bravissimo perché loro non erano in pochi ed i primi due erano veramente super veloci!
Ringrazio il mio Team, il Team Space, perché sono veramente i migliori e sono sempre preparatissimi in tutto e così le nostre DM sono sempre al top del top. I consigli sono sempre i migliori ed anche il supporto.
Ringrazio anche tutti gli amici venuti a trovarmi, caricarmi o tifarmi. Ringrazio il paddock perché l’ambiente è sempre ottimissimo e ringrazio la pista X-Bikes e tutto il suo staff perché sono stupendi anche loro!
Ora testa a Ripapersico per la prima gara dell’InterRegionale Uisp.

Phaedra Theffo