Resoconto

Mugellino 26/06/2016 - CIV


Finalmente arriva il weekend del CIV al Mugellino, finalmente so di avere il piede sinistro a posto anche prima di entrare in pista, finalmente faccio la prima gara della stagione insieme a tutto il Team Space...
La pista del Mugellino mi è sempre piaciuta. Arrivo il venerdì verso le 10.30, sistemo la moto per entrare e cominciano le nostre prove libere. Mi sento subito in forma, devo solo ricordarmi le traiettorie. Proviamo rapporti diversi, assetti diversi, ed a fine giornata son già felice di avere migliorato il mio miglior tempo in gara dell’anno 2015. Infatti avevo fatto 41’3 e di venerdì ho già fatto 41’2, il che non è male anche se ancora lontano dai primi. C’è tanto caldo e soffro di mal di schiena ma in pista tutto bene, e la caviglia non mi dà assolutamente nessun problema ormai.
Sabato, sei turni di prove a disposizione, proviamo ancora un altra corona ma alla fine torniamo comunque sul 6-60. Non miglioro in questa giornata ma siamo comunque lì ed abbiamo deciso l’assetto. Siamo pronti per la gara, si montano le gomme nuove e si fa un’altra serata tra amici nel paddock. Tra il Team Space, la mia Lulù13 ed Angelica, quelli della Phantom, quelli di Venezia e tanti altri ancora...
Eccoci al giorno della gara... Non ci sono prove libere quindi tocca svegliarsi subito! Nel primo turno mi sembra di avere la frizione un po’ troppo bassa ma in realtà a fine turno ho avuto la bella sorpresa di avere migliorato i tempi, ho solo fatto 41’1 ma per un primo turno di prima mattina sono comunque soddisfatta. Secondo turno di prove ufficiali, so che posso sfruttare di più le gomme nuove e so che la frizione leggermente più bassa va benissimo in quanto posso aprire appena uscita dalla curva senza alcun timore. Una sensazione anche bellissima. Insomma qua tocca dar tutto, ne ho solo uno dietro e non voglio farmi fregare la posizione. Ad inizio turno mi ritrovo dietro Quadrini e mi sono proprio messa lì cercando di perderlo il meno possibile nonostante fosse più veloce. Sicuramente è proprio così che ho abbassato il tempo la prima volta. Ho fatto 40’6 e l’ho poi rifatto anche a fine turno, con qualche 40’9 in mezzo ed un passo decisamente più basso di prima. Sono molto contenta e siamo pronti per la prima gara.
Corriamo mischiati tra Open A e Open B. Nella B sono parecchi e noi della A siamo soltanto 4.
Semaforo rosso, si spegne e io parto dall’interno, esco dalla prima curva e mi ritrovo spalla contro spalla con Quadrini, non riesco a spostarmi, e sicuramente nemmeno lui, e alla fine cadiamo entrambi. Mi vedo il quarto dell’Open A, Borgonovo, che si allontana, mentre era l’unico con cui avrei potuto battagliare... Proviamoci lo stesso, girava leggermente più lento di me nelle prove, quindi non si sa mai, magari lo riprendo... Ci sono ancora tanti giri ed in effetti, giro dopo giro vedo che lo riprendo piano piano. Ce la posso fare, continuiamo a crederci!! Mi avvicino sempre di più e finalmente lo riprendo a due giri dalla fine... Ce la farò a passarlo??? Mi metto dietro il più vicino possibile e quando arriviamo al curvoncino prima del curvone del dritto lungo, mi concentro per stare proprio lì pronta ad accelerare prima. Riesco a fare il curvone proprio quasi accanto a lui ed arrivo in fondo al dritto con più velocità riuscendo ad affiancarlo in tempo per farmi vedere da lui e poter fare la curva prima di lui. Ora tocca tenere i nervi saldi! Non esagero per non fare errori e non farmi passare chiudendo le porte il più possibile. E passo sotto la bandiera a scacchi davanti a lui senza problemi. Sono super felice, è stata proprio una bella gara, mi son proprio divertita e sono anche soddisfatta di me. Sono seconda su quattro, Quadrini ha vinto mentre Salaroli, che è più forte, purtroppo ha rotto ed è stato costretto a ritirarsi, regalandoci una posizione a tutti noi della A.
La moto va benissimo e quindi la lasciamo così com’è per gara 2. Il semaforo rosso si spegne e non parto male ma non è semplice stare all’interno in questa curva dove ti ritrovi in mezzo a tutti quanti. Esco dalla prima curva e mi si chiude lo sterzo.. Volo via e chi mi prende? Quadrini... Non avevo parole, due cadute in partenza ed entrambe insieme a lui.. Stavolta però è stato sfortunato lui a beccarmi in pieno. Riusciamo comunque ad alzarci subito e meno male stavolta Borgonovo non è così lontano. Posso recuperare in qualche giro. Ci sono quasi... ma lui cade e prendo in pieno la sua moto.... Riparto prima di lui ma poi mi rendo conto che la mia moto non va più molto bene... Fa un rumore diverso dal normale e non va proprio come prima. Peccato, perché mi sarei impegnata ed avrei voluto provare ad abbassare ancora i miei tempi.. Invece mi è toccato far gara a coppia con Nespoli, Open B, che anche lui l’ha finita per finirla senza poter tirare come si deve.. Così è stato davvero lungo e non mi son proprio divertita, anzi...
Ero proprio triste e mi è toccato bere per dimenticare..
Sono andata a scusarmi con Quadrini, anche se non avevo vere colpe, ma a me piace chiedere scusa.
Alla fine quindi ha vinto lui, ho fatto seconda, Borgonovo terzo e Salaroli quarto per via del suo ritiro in gara 1... Siamo pochi ma sempre meglio 4 piuttosto che 2.
Purtroppo dopo la gara ho capito perché non andava più la mia moto... si era storta la mia marmitta e conseguentemente anche il silenziatore... Ora da sistemare e speriamo di rimediare per la gara della UISP a Cattolica di questo weekend...
Devo ringraziare tutto il mio Team, il Team Space, per il supporto durante il weekend. Siamo proprio una grande famiglia e ci siamo anche divertiti parecchio. Ringrazio anche il resto del paddock perché l’ambiente è veramente bello ed è sempre bello vedere che tanta gente mi vuole bene. Sono stati tre giorni veramente stupendissimi e non me lo dimenticherò.
Grazie a tutti! Con alcuni di voi ci vediamo già di nuovo questo weekend a Cattolica, e con gli altri ci vediamo a Pomposa a fine mese!
Gas #19!

Phaedra Theffo